Matrimonio di stagione: vini e verdure primaverili

Matrimonio di stagione: vini e verdure primaverili

La primavera è decisamente arrivata e con essa la voglia di piatti più leggeri e salutari, con un occhio più attento alla forma fisica. Senza mai rinunciare ad un buon bicchiere di vino!

Le giornate si allungano, sbocciano i fiori e i primi caldi iniziano a farsi sentire: la primavera non bussa alla porta, ma la spalanca con forza. Nonostante il periodo difficile che stiamo vivendo, un modo per festeggiare l’arrivo della primavera c’è.
E dato che un po’ tutti ci siamo riavvicinati alla passione per i fornelli, ecco qualche consiglio per celebrarla sul tagliere, in forno o in padella.
Ovviamente accompagnata dai vini giusti.

- Il Crescione -

Non serve avere il pollice verde per fare un orticello di erbe aromatiche sul balcone o alla finestra.
Ma se con prezzemolo e basilico son bravi tutti, provate col crescione, dal gusto amarognolo e leggermente piccante. Squisito in insalata o tocco di classe in una piadina romagnola con crudo e squacquerone.

Da accompagnare con una falanghina 100% come Quintodecimo Via del campo Falanghina Irpinia DOC 2018.

- Verdure ripiene -

Sicuramente invece non vi cresceranno sul balcone gli ortaggi più comuni, a partire dalle zucchine, peperoni e melanzane, ma questi inconfondibili segni di primavera abbonderanno sui banchi dei fruttivendoli. Preparateli nel forno per una cottura più leggera ma sbizzarritevi con i ripieni: da quelli più classici con la carne, uova e parmigiano a quelli più sfiziosi con pomodoro, tonno, olive e capperi. Non dimenticate una spolverata di pangrattato in superficie, per rendere il piatto più invitante e proteggere il ripieno con una gustosa crosticina.

I vini più adatti? Ritterhof PARATUS Sauvignon DOC o un Ritterhof Pinot Bianco DOC 2019

- Fave e Pecorino -

Non c’è spuntino che fa più primavera di fave e pecorino. Una sana merenda pomeridiana che si può pericolosamente trasformare prima in aperitivo e poi in cena. Soprattutto se condivise, tra quattro chiacchiere e una bottiglia di vino.
Il nostro consiglio è un rosato profumato, come il Podere Sette Il Goloso Rosato Toscana IGT 2018.

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.